l'astronauta perduto


giovedì 24 febbraio 2011

"Vita".

Assicurò bene la cinta ai fianchi poi chiuse gli occhi e si gettò di schianto nell'immensità.

"Confusione".




Per fortuna c'è il mio albero solitario.
C'è il mio silenzio assoluto, il mio tramonto e la mia alba.
Nella mia testa.