l'astronauta perduto


sabato 7 maggio 2011

"Liberata!"

Infiniti pensieri
diventano solide ossessioni.
Poi, le osservo mentre queste lentamente si appiattiscono e diventano fogli di carta.
Alzo il foglio e lo metto controluce.
Lo scruto e non vedo niente,
lo tocco ed è inconsistente.
Allora, con la matita
che rotea tra le mie dita,
voglio appuntare quello che percepisco dopo questa strana trasformazione.
Ma la matita è bianca e non si legge niente.
Mi metto dunque in ascolto della mia mente
perché la sento che, beata,
si gode la divina emozione
di essersi, finalmente, liberta.