l'astronauta perduto


sabato 19 marzo 2011

" è musica".

Fuori, là nel Cosmo,  non c'è terra ma musica.
Vibrazioni inarrestabili che disegnano viaggi ai quali ognuno di noi è libero di partecipare.
Vibrazioni che scaturiscono immagini di vita quotidiana, di fantasie segrete, di arcobaleni, di uomini, di pace e d'amore.
Nell'etere si propaga una musica lenta, poi più veloce e poi ossessiva.   
è  Musica che ha il coraggio di guardarci negli occhi e di porgerci nuovamente quelle bacchette che con  il tempo abbiamo dimenticato di avere.
Ci provo, agito le bacchette stupidamente davanti alla mia faccia e rassicurato mi accorgo, d'essere un impeccabile compositore.