"La sirena e l'antilope."

É Morto Piero Marezzi, aveva 87 anni. L'ho letto all'angolo di via Pananti.
Non so neanche chi sia Piero Marezzi e non mi dice nulla neanche il suo cognome. Pace all'anima del povero Piero. Il fatto è che sono fissato con gli annunci mortuari, tutte le sere devo passare a vedere chi cazzo è morto.
Ci sono certe fissazioni che ormai sono diventate un vizio, mi alzo la mattina e mi chiedo: chi è morto? È una specie di rito il mio.
Come se il passaggio alla morte volesse significarmi qualcosa, come se sapendo chi ormai è morto la signora incappucciata e con la falce mi giri alla larga.
Perché sì, la morte mi fa una dannata paura.
Il problema è che non so che cosa ci sia dopo, mi dispiacerebbe marcire sotto metri di terra mangiato da bachi che s'ingozzano di me fino a scoppiare.
Da piccolo andavo sempre a messa, facevo il chierichetto, stavo composto ed ascoltavo con interesse le parole del parroco, ricordo ancora le sue mani pelose mentre spezzavano quell'ostia enorme. Il paradiso era la mia mia unica ambizione, potermi rotolare tra le nuvole era il mio unico desiderio da bambino. Mio padre credeva che mi facessi prete, mia nonna lo sperava, mia madre invece sono sicuro che avrebbe preferito vedermi morto piuttosto che devoto al Dio dei cristiani.
Ma se ci fossero davvero o il paradiso o l'inferno dopo la morte?
Domanda di una stupidità straziante. Eppure in molti se la sono posta, in molti si sono domandati cosa potrebbe succedere con la morte, se l'anima esiste, se è mortale oppure immortale.
Mi piace la concezione orfica, quella della reincarnazione, della metempsicosi, del corpo che è una gabbia nel quale le nostre anime sono costrette a vivere per purificarsi.
Ma lasciamo stare.
Ora che ci penso, un Marezzi lo conosco. Marco Marezzi è stato mio compagno alle medie per un anno prima che si trasferisse in Liguria non so a fare cosa.
Il Marezzi, alto forse meno di un metro e largo come tre di me, simpatico da morire, il Mare lo chiamavamo, aveva sempre le gomme da masticare e le regalava a tutti, forse anche lui si ricorda di me, sta di fatto che adesso io mi sto ricordando di lui.
Bene amici miei, volevate leggere qualcosa che vi lasciasse il segno? Cercavate la catarsi?
Avete sbagliato blog, l'astronauta è in una fase strana, è in un periodo che potenzialmente è ok, ma in atto è una cosa indefinita avvolta in una nebulosa fluorescente.
Adolescenza, sono scodate di un'adolescenza che proprio non vuol finire.
Finirà?
Si diventerà mai grandi?
Voi come vi sentite?
Quante domande.
Non è importante che mi rispondiate, che mi diate consigli, va bene così, mi godo il momento, ascolto il colore proibito, bevo vino e scrivo per il piacere di scrivere.
No sense.
Vedere, è questo che cerco, qualcosa che non abbia senso, qualcosa che mi lasci libero di vaneggiare quanto cazzo mi pare senza avere un dito puntato contro ed una voce stridula che mi dice che un senso, in realtà, c'è e come, e per ogni cosa.
Vivo, e spero che la vita non abbia un senso, che nulla abbia un senso, che tutto sia perché è e basta, senza calcoli o ragionamenti, senza mani demiurgiche che hanno dato ordine al caos, senza un Dio che ci dice come fare, senza un bastardo pronto ad indicarci la strada da percorrere.
Così, come un fiume in piena, voglio vivere per sempre in questa che è per me la fine dell'adolescenza, in questi giorni senza ragione, in questi momenti di follia, di completa incertezza, di vino e musica.
Voglio vivere come uno di questi miei pensieri, assurdi ed istintivi, paradossali ed in contraddizione.
Resta il fatto che Piero Marezzi è morto e forse conosco suo nipote, che la morte è forse l'unica certezza, che sono le tre di notte e non ho voglia di andare a dormire, e che forse andrò anche al funerale del povero Piero.

Commenti

  1. ok ok, non dico niente,resterò per sempre all'oscuro del perchè sirena e perchè antilope :))

    RispondiElimina
  2. bravo sperduto tra le stelle dell'universo...corpo e anima, ma questo dell'anima non lo so! Ah, sembra che te ne fotti dell'anima...se c'è o non c'è, sembra non sia un tuo problema!
    ASCOLTA...allora per che cazzo parli della morte e della reincarnazione?
    non lo sai che siamo già da vivi in forma umana, siamo un ammasso condensatissimo di microbi?
    e non lo sai che una volata putridi e spersi tra le fauci dei vermi...quando essi rlasceranno le loro feci ( a proposito, ma i vermi cagano? i politici Sì!), sicuramente potresti diventare un carciofo che poi potresti essere fatto sott'olio ecc.

    Senti sperduto dell'universo perchè non pensi a sfruttare al meglio e intensamente tutto ciò che la vita ti da, piuttosto che pensare alla morte degli altri?
    Tanto lo sai da te stesso che prima o poi tutti dobbiamo morire è l'unica cosa che ha senso nel NOn-SENSE della vita, è proprio questo. E' però confortante che tutti,ma dico tutti, nessuno escluso, MORIREMO!!! ahhahahhahahah.

    eros nè dio,nè demone,nè umano...e neppure immortale; un ammasso di 0101010101010

    RispondiElimina
  3. Ii domandi: si diventerà grandi. Me lo domando ancora che ho settantasei anni e in tutto questo tempo di certezze non ne ho per il dopo al contrario non credo più da quando mi portarono bimbo a benedirmi per guarire della pertosse e mi fecero prendere il broncopolmonite. E pensare che prima mi avevano garantito la guarigione.
    Non farti tante domande, vivi il resto è fumo.

    RispondiElimina
  4. Mi piace questo tipo di leggerezza...

    RispondiElimina
  5. molto assente ultimamente..chiedo scusa..contenta di essere tornata, bellissima foto!

    RispondiElimina
  6. io vi ho sempre giocato con la morte, o forse più con la sua idea.. ciò non significa che non mi spaventi..

    la paura di morire mi assale quando sono felice, nella gioia inizio a dosare i miei passi, ad avere molta più cura delle mie azioni...affinché quella gioia duri nel tempo...

    RispondiElimina
  7. Fatto sta che di domande ce ne sono sempre tante e forse troppe. Spesso fanno insorgere altre domande o ennesimi dubbi. E' per quello che pratico il metodo dubbista.

    La morte non mi spaventa, ma ho anche io il vizio di andare a sbirciare chi è morto in paese e nella provincia. E se, fosse tutta un'invenzione e dopo la morte non ci sia nulla? Personalmente ne resterei deluso e mi girerebbero anche un po' le rotazioni planetarie.

    RispondiElimina
  8. @Teti... mistero... Un abbraccio cara, ci vediamo al prossimo port!

    RispondiElimina
  9. @Eros.. Quindi? Certo che vivo, e nonostante tutto mi sento un guerriero!!

    RispondiElimina
  10. @Marco.. Ciao! Grazie mille del passaggio, condivido in pieno il tuo pensiero!

    RispondiElimina
  11. @Tra cenere e terra.. Grazie, mi piace vederti ad ogni mio post!

    RispondiElimina
  12. @Bella sun!!! Eccola che torna.. ti aspettavo! Grazie del passaggio!

    RispondiElimina
  13. @Squilibrato.. Chi si rivede! Bello il metodo dubbista, resteremo delusi? Si vedrà..

    RispondiElimina
  14. @TUTTI..Scusate il ritardo, ho il pc che non dice più il vero e sono in un Internet-poin! Sono stato molto impegnato negli ultimi tempi, grazie per essere passati! Vi mando un mega abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
  15. Parliamoci chiaro non è la morte a far paura, ma è l'attesa ad ingannare.
    Chi si spinge troppo ad oriente inevitabilmente si ritroverà in occidente, con precisione nello stesso punto di partenza....quindi goditi il viaggio. ;-)

    RispondiElimina
  16. Questa si chiama crisi esistenziale. Che poi, puoi chiamarla come vuoi. Non ci badare troppo, bevi il tuo vino, scrivi... va e viene la vita, come la morte.

    RispondiElimina
  17. E'una fissazione che ho anch'io.
    Non so in che data gli Astronauti lo festeggino,ma,in qualunque data sia,Buon Natale!
    Costantino

    RispondiElimina
  18. Tanti auguri! Un abbraccio a te e alla tua scrittura, una piantina che cresce bene.

    RispondiElimina
  19. @Mark.. Ok, in in questo viaggio ho conosciuto anche te!

    RispondiElimina
  20. @Grazie Cos.. Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  21. @Tra cenere e terra.. Grazie mille! Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  22. Qualche anno fa anche io avevo la passione del necrologio, mi colpivano le parole di commiato dei parenti, amici, colleghi. Non ho mai indagato sul motivo di questa passione, forse vedevo nella morte la liberazione dalla ipocrisia ed era anche un modo per esorcizzarla.

    Gioiose feste e a presto

    RispondiElimina
  23. Tantissimi auguri
    buon Natale!!!

    RispondiElimina
  24. Tanti auguri anche a te Astronauta, buone feste!
    Un abbraccio.
    Namastè

    RispondiElimina
  25. Mi pare molto vitale questo post quasi un Allen

    RispondiElimina
  26. Oggi è un giorno da manifesti di nuova vita.
    Auguri spalmati per tutte le feste:-)

    RispondiElimina
  27. Tornerò a leggerti con maggiore attenzione. Intanto ricambio con calore gli auguri di Buon Natale!

    RispondiElimina
  28. Un placer visitarte,felices dias,y buen año 2012,un abrazo.J.R.

    RispondiElimina
  29. Per augurarti un felice Natale mio caro e dolcissimo amico!!!

    le cose più belle per te...

    ti abbraccio e...torna più spesso dalle mie parti!!!

    RispondiElimina
  30. @ I am... Grazie per il passaggio! Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  31. @Angelo.. Grazie mille! Auguroni anche a te! Ho poco tempo, ma prometto che mi farò vedere più spesso! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  32. Auguri di buone feste anche a te.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  33. @Cavaliere...
    Auguri e buon anno!

    @Squilibrato..
    Anche a te!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari