l'astronauta perduto


venerdì 20 luglio 2012

"Io non sono Carmelo Corsini."

Le false partenze, quelle che mandano tutto all'aria, quelle che aspetti e speri e poi non se ne fa di nulla, in realtà, non infastidiscono il fantino forte ma anzi consolidano le sue certezze di vittoria. Detto questo, che forse è una stupidaggine clamorosa, inizia il mio racconto. È la storia di Carmelo Corsini, il buon vecchio Carmelo Corsini. Vecchio non è, ha solo 8760 giorni che tradotti in anni sono 24. Precisi, oggi. Grande Carmelo, auguri. Lo conobbi sei anni fa alle scuole superiori. Tutti e due ripetenti, ci trovammo in una classe di tutte donne. Lui carino, educato, fisico scolpito, alto, occhi azzurri, capelli lisci. Io quasi l'opposto. Entrambi bocciati per la condotta. Io fui beccato in bagno a farmi masturbare da una mia compagna di classe e mi sospesero seduta stante. Poi, gasato dal nome che mi ero fatto, dedicai l'anno scolastico allo svezzamento del 40% delle mie coetanee. La beauté n'est pas importante, il suffit de manipuler. Carmelo, fu beccato a vendere erba nei bagni della scuola. Mica una sola volta, forse un centinaio. Una volta arrivarono anche i poliziotti ma non gli trovarono nulla. Buttò tutto nel cesso. Astuto. Negli anni che trascorremmo insieme, due per l'esattezza, continuammo il nostro mestiere senza mai essere scoperti. Sì, le mie compagne di classe le ho scopate tutte e tutte tranne una certa Irene Galeotti, si sono fatte almeno un paio di canne. All'esame passammo discretamente, Carmelo molto bravo in matematica ed in economia, io in storia ed italiano. Le lingue ce le dividemmo: lui l'inglese ed io il francese. Squadra vincente. Il voto finale, in due, fu 190. Très bien. Soddisfatti, andammo in vacanza ad Ibiza ma non andò molto bene perché appena arrivati ci pestarono come sigarette e ci rubarono tutto. Passammo una settimana a fare piaceri qua e là per racimolare qualche soldo. Fu divertente. Non aspettatevi niente di particolare, è la storia di C.C che è un tizio come tanti ed ha molti difetti, uno di questi è di essere mio amico.

- Tratto da “Io non sono Carmelo Corsini”. Racconto di sette pagine che non è adatto per il blog.
È solo un assaggio, se poi vi piace l'inizio ne metto un altro pezzetto.

3 commenti:

mr.Hyde ha detto...

Sono racconti piacevoli e divertenti!

angeloblu ha detto...

...sono stata lontana da questo posto per un pò...torno per riprendere il mio posto e così per prima cosa torno a salutare gli amici...cari amici che mi siete stati sempre vicini...noto con piacere che sei migliorato tantissimo a scrivere, veramente tanto...complimenti...per ora ti abbraccio mio carissimo amico...a presto...

Vecchio Diavolo ha detto...

mi piacerebbe davvero conoscere il seguito.